banner sito

ufo 1951536 1920

Il Pentagono ammette di aver studiato rottami di UFO

Una sbalorditiva ammissione da parte del governo degli Stati Uniti di possedere detriti UFO è stata recentemente fatta in risposta a una richiesta del Freedom of Information Act (FOIA) presentata più di tre anni fa dal ricercatore Anthony Bragaglia

 

Una sbalorditiva ammissione da parte del governo degli Stati Uniti di possedere detriti UFO è stata recentemente fatta in risposta a una richiesta del Freedom of Information Act (FOIA) presentata più di tre anni fa da questo autore. In una lettera di risposta, la US Defense Intelligence Agency (DIA) ha posto fine a decenni di speculazioni verificando che il materiale UFO sia stato effettivamente recuperato. Ora ufficialmente indicato come UAP (Unidentified Aerial Phenomena) piuttosto che UFO, parte di questo materiale è stato depositato presso un appaltatore della difesa per l'analisi e lo stoccaggio in "strutture specializzate". Incredibilmente, una parte delle informazioni rilasciate discute di materiale con proprietà di recupero della forma, molto simile ai detriti di "metallo della memoria" trovati caduti nell'incidente dell'UFO di Roswell nel 1947.

E sulla base della documentazione ricevuta, sembra che i detriti recuperati mostrino altre straordinarie capacità. Oltre a "ricordare" la loro forma originale quando piegati o schiacciati, alcuni di questi materiali futuristici hanno il potenziale per rendere le cose invisibili, "comprimere" l'energia elettromagnetica e persino rallentare la velocità della luce. Sebbene la maggior parte dei dettagli dei rapporti siano stati oscurati, ciò che si può raccogliere è che queste tecnologie rappresentano un vero e proprio salto di qualità oltre le proprietà di tutto il materiale esistente noto all'uomo.

Infine, non si conosce l'ubicazione dei detriti UFO detenuti dall'appaltatore. Alcuni mesi fa hanno licenziato i loro dipendenti e hanno cessato l'attività. Gli ex funzionari dell'azienda, una volta raggiunti, rifiutano il commento.

LA RICHIESTA DI FOIA

La richiesta FOIA originale del 2017 presentata alla DIA richiede le descrizioni fisiche, le proprietà e la composizione del materiale UFO / UAP detenuto dal governo e dal suo appaltatore. La richiesta è univoca nel suo significato. Si riferisce a materiale UFO / UAP e "detriti fisici recuperati dal personale del Dipartimento della Difesa come residui, relitti, materiale proiettato o UAP schiantati o oggetti volanti non identificati". La richiesta FOIA può essere vista per intero qui:

Nella sua risposta, la DIA concorda sorprendentemente sul fatto che dispone di documenti rispondenti alla mia richiesta sui detriti UFO recuperati e sulla loro analisi, sul programma in base al quale è stato somministrato, AATIP (the Advanced Aerospace Threat Identification Program) e che il loro appaltatore della difesa (Bigelow Aerospace a Las Vegas, Nevada) ha archiviato il materiale. Forniscono inoltre alcune relazioni relative alle possibili applicazioni del materiale studiato.

I ritardi e le scuse offerte negli anni in attesa della risposta del FOIA sono state molte. Includono che la ricerca dei documenti coinvolgeva un'altra agenzia che doveva essere consultata; che avevo mandato un'e-mail alla mia ex ufficiale FOIA sebbene se ne fosse andata mesi prima e non avesse mai ricevuto la mia comunicazione di follow-up; ad una riassegnazione del mio caso al capo FOIA della DIA, Steve Tumiski. Dopo che una causa è stata minacciata con la conservazione di un avvocato, la DIA in qualche modo, dopo così tanto tempo, ha agito per rispondere.

Continua a leggere su

https://www.ufoexplorations.com/?fbclid=IwAR2I_lHxJ_47YLhzuc3leCeEpLUNcSJTL49AkEr93I4IO8CXprXFKrmwJQE


IN EVIDENZA

Image 02 Agosto 2020
L'epopea di Dan Burisch

UFOLOGIA

Canadian ufo1 actual

Il Caso Guardian

PALEOASTRONAUTICA

Great Sphinx Of Giza1

Gli egittologi la Sfinge e il cover-up

PALEOASTRONAUTICA

PIU' LETTI

Sabato, 01 Agosto 2020
Il Caso Guardian
Venerdì, 28 Agosto 2020
Il bizzarro destino di Phil Schneider

MISTERI

 
 

Video del giorno