banner sito

coronavirus 4914026 1920

Le mascherine facciali sono efficaci? Ci sono ancora poche o nessuna prova scientifica

Ci sono ancora poche o nessuna prova scientifica dell’efficacia delle maschere facciali in tessuto nella popolazione generale, e l’introduzione di maschere obbligatorie non potrebbe contenere o rallentare l’epidemia nella maggior parte dei paesi. Se usate in modo improprio, le maschere possono aumentare il rischio di infezione.

 

1. Studi sull'efficacia delle maschere per il viso

Finora, la maggior parte degli studi ha trovato poca o nessuna prova dell'efficacia delle maschere facciali in tessuto nella popolazione generale, né come equipaggiamento protettivo personale né come controllo della fonte.

  1. Un meta-studio del maggio 2020 sull'influenza pandemica pubblicato dal CDC degli Stati Uniti ha rilevato che le maschere per il viso non avevano alcun effetto, né come dispositivo di protezione personale né come controllo della fonte. Fonte )
  2. Una revisione del luglio 2020 dell'Oxford Centre for Evidence-Based Medince ha rilevato che non ci sono prove dell'efficacia delle maschere di stoffa contro l'infezione o la trasmissione di virus. Fonte )
  3. Uno studio cross-country Covid-19 della University of East Anglia ha rilevato che il requisito della maschera non era di alcun beneficio e poteva persino aumentare il rischio di infezione. Fonte )
  4. Una revisione dell'aprile 2020 di due professori statunitensi in malattie respiratorie e infettive dell'Università dell'Illinois ha concluso che le maschere per il viso non hanno alcun effetto nella vita di tutti i giorni, né come autoprotezione né per proteggere terze parti (il cosiddetto controllo della fonte). Fonte )
  5. Un articolo del New England Journal of Medicine del maggio 2020 è giunto alla conclusione che le maschere facciali in tessuto offrono poca o nessuna protezione nella vita di tutti i giorni. Fonte )
  6. Una revisione Cochrane dell'aprile 2020 (preprint) ha rilevato che le maschere per il viso non hanno ridotto i casi di malattia simil-influenzale (ILI), né nella popolazione generale né negli operatori sanitari. Fonte )
  7. Una revisione dell'aprile 2020 della Norwich School of Medicine (preprint) ha rilevato che "le prove non sono sufficientemente solide per supportare l'uso diffuso di maschere", ma supporta l'uso di maschere da parte di "individui particolarmente vulnerabili quando si trovano in situazioni transitorie a rischio elevato". Fonte )
  8. Uno studio del luglio 2020 condotto da ricercatori giapponesi ha scoperto che le maschere di stoffa "offrono una protezione zero contro il coronavirus" a causa delle loro grandi dimensioni dei pori e generalmente della scarsa vestibilità. Fonte )
  9. Uno studio del 2015 nel British Medical Journal BMJ Open ha rilevato che le maschere di tessuto sono state penetrate dal 97% delle particelle e possono aumentare il rischio di infezione trattenendo l'umidità o un uso ripetuto. Fonte )
  10. Una revisione dell'agosto 2020 di un professore tedesco di virologia, epidemiologia e igiene ha rilevato che non ci sono prove dell'efficacia delle maschere facciali in tessuto e che l'uso quotidiano improprio delle maschere da parte del pubblico può infatti portare ad un aumento delle infezioni. Fonte )
Aspetti aggiuntivi
  1. Ci sono prove crescenti che il coronavirus SARS-2 viene trasmesso, almeno in ambienti interni, non solo da goccioline ma anche da aerosol più piccoli . Tuttavia, a causa delle ampie dimensioni dei pori e della scarsa vestibilità, le maschere in tessuto non possono filtrare gli aerosol (vedere l'analisi video sotto): oltre il 90% degli aerosol penetra o aggira la maschera e riempie una stanza di medie dimensioni in pochi minuti.
  2. L' OMS ha ammesso alla BBC che il suo aggiornamento della politica sulle maschere del giugno 2020 non era dovuto a nuove prove ma a "pressioni politiche" : "Ci era stato detto da varie fonti che il comitato dell'OMS che esaminava le prove non aveva appoggiato le maschere, ma le raccomandavano a causa delle pressioni politiche . Questo punto è stato messo all'OMS che non ha negato ". (D. Cohen, corrispondente medico della BBC).
  3. Un'analisi del CDC statunitense ha rilevato che l' 85% delle persone infettate dal nuovo coronavirus ha riferito di indossare una maschera "sempre" (70,6%) o "spesso" (14,4%). Rispetto al gruppo di controllo di persone non infette, indossare sempre una maschera non riduceva il rischio di infezione.
  4. Il Giappone , nonostante il suo uso diffuso di maschere facciali, ha sperimentato la sua più recente epidemia di influenza con oltre 5 milioni di persone che si sono ammalate solo un anno fa, a gennaio e febbraio 2019. Tuttavia, a differenza di SARS-CoV-2, il virus dell'influenza è facilmente trasmesso anche dai bambini.
  5. Molti stati che hanno introdotto maschere facciali obbligatorie sui trasporti pubblici e nei negozi in primavera, come Hawaii , California , Argentina , Spagna , Francia , Giappone e Israele , hanno visto un forte aumento delle infezioni da luglio in poi, indicando una scarsa efficacia delle politiche sulle maschere. Altri esempi )
  6. Scienziati austriaci hanno scoperto che l'introduzione, la ritrattazione e la reintroduzione di un mandato per la maschera facciale in Austria non ha avuto alcuna influenza sul tasso di infezione da coronavirus.
  7. Nello stato americano del Kansas , le 90 contee senza mandato di maschera hanno tassi di infezione da coronavirus inferiori rispetto alle 15 contee con mandato di maschera. Per nascondere questo fatto, il dipartimento della salute del Kansas ha cercato di manipolare le statistiche ufficiali e la presentazione dei dati.
  8. Contrariamente alla credenza comune, gli studi negli ospedali hanno scoperto che l'uso di una mascherina medica da parte dei chirurghi durante le operazioni non ha ridotto le infezioni batteriche delle ferite post-operatorie nei pazienti.
  9. Durante la famigerata pandemia influenzale del 1918 , l'uso di maschere facciali di stoffa tra la popolazione generale era diffuso e in alcuni luoghi obbligatorio, ma non fece alcuna differenza .
  10. I paesi asiatici con bassa infezione da covid e tassi di morte non hanno beneficiato delle maschere facciali, ma principalmente della chiusura anticipata dei confini . Ciò è confermato da paesi scandinavi come Norvegia, Finlandia e Danimarca, che non hanno introdotto mandati di maschere ma hanno chiuso i confini in anticipo e hanno visto anche tassi di mortalità e infezione da covid molto bassi.
  11. I ricercatori dell'Università del Minnesota hanno scoperto che la dose infettiva di SARS-CoV-2 è di soli 300 virioni (particelle virali), mentre un singolo minuto di conversazione normale può generare più di 750.000 virioni , rendendo improbabile che le maschere facciali di stoffa impediscano una dose infettiva .
  12. Ad oggi, l' unico studio controllato randomizzato sull'efficacia delle maschere facciali contro l'infezione da covid in un contesto comunitario è stato condotto in Danimarca. Secondo quanto riportato dalla stampa, non è stato riscontrato alcun effetto delle maschere facciali, ma la pubblicazione dello studio  è stata smentita da tre importanti riviste .
Sviluppo di casi dopo i mandati di maschera

In molti stati, le infezioni hanno iniziato ad aumentare dopo l'introduzione dei mandati sulle maschere. Il grafico seguente mostra l'esempio molto tipico della Francia. Altri esempi includono California, Florida, Hawaii, Argentina, Perù, Filippine, Spagna, Italia, Regno Unito, Israele, Giappone, Svizzera e molti altri .

Francia: maschere e infezioni ( SPF / RG )
Il dottor Theodore Noel spiega il problema dell'aerosol della maschera facciale

2. Studi che affermano che le maschere per il viso sono efficaci

Alcuni studi recenti hanno affermato che le maschere facciali in tessuto sono effettivamente efficaci contro il nuovo coronavirus e potrebbero almeno prevenire l'infezione di altre persone. Tuttavia, la maggior parte di questi studi soffre di una metodologia scadente e talvolta mostra il contrario di ciò che affermano.

In genere, questi studi ignorano l'effetto di altre misure, lo sviluppo naturale del numero di infezioni, i cambiamenti nell'attività dei test o confrontano paesi con condizioni molto diverse.

Una panoramica:

  1. Un meta-studio sulla rivista Lancet , commissionato dall'OMS , ha affermato che le maschere "potrebbero" portare a una riduzione del rischio di infezione, ma gli studi hanno considerato principalmente respiratori N95 in un ambiente ospedaliero, non maschere di stoffa in un ambiente comunitario, la forza delle prove è stata riportata come "bassa" e gli esperti hanno trovato numerosi difetti nello studio . Il professor Peter Jueni, epidemiologo dell'Università di Toronto, ha definito lo studio dell'OMS "essenzialmente inutile" .
  2. Uno studio sulla rivista PNAS ha affermato che le maschere avevano portato a una diminuzione delle infezioni in tre hotspot globali (inclusa New York City), ma lo studio non ha tenuto conto della naturale diminuzione delle infezioni e di altre misure simultanee. Lo studio era così imperfetto che oltre 40 scienziati hanno raccomandato di ritirarlo .
  3. Uno studio tedesco ha affermato che l'introduzione di maschere facciali obbligatorie nelle città tedesche aveva portato a una diminuzione delle infezioni. Ma i dati non supportano questa affermazione: in alcune città non c'è stato alcun cambiamento, in altre una diminuzione, in altre un aumento delle infezioni (vedi grafico sotto). La città di Jena è stata un'eccezione solo perché ha introdotto contemporaneamente le più severe regole di quarantena in Germania, ma lo studio non ha menzionato questo.
  4. Uno studio statunitense ha affermato che le maschere obbligatorie avevano portato a una diminuzione delle infezioni in 15 stati, ma lo studio non ha tenuto conto del fatto che il tasso di infezione era già in calo nella maggior parte degli stati in quel momento e non è stato effettuato un confronto con altri stati. Dopo la pubblicazione dello studio, le infezioni hanno iniziato ad aumentare negli stati con obbligo di maschere (ad esempio in California, Florida e Hawaii).
  5. Uno studio canadese ha affermato che i paesi con maschere obbligatorie hanno avuto meno morti rispetto ai paesi senza maschere obbligatorie. Ma lo studio ha confrontato i paesi dell'Africa, dell'America Latina, dell'Asia e dell'Europa orientale con tassi di infezione e strutture della popolazione molto diversi.
  6. Una piccola revisione dell'Università di Oxford ha affermato che le maschere per il viso sono efficaci, ma si basava su studi sulla SARS-1 e in ambienti sanitari, non in ambienti comunitari.
Maschere obbligatorie nelle città tedesche: nessun impatto rilevante. IZA 2020 )

3. Rischi associati alle maschere facciali

Indossare maschere per un periodo di tempo prolungato non è innocuo, come mostrano le seguenti prove:

  1. L' OMS mette in guardia da vari "effetti collaterali" come difficoltà respiratorie ed eruzioni cutanee.
  2. I test condotti dall'Ospedale universitario di Lipsia in Germania hanno dimostrato che le maschere per il viso riducono significativamente la resilienza e le prestazioni degli adulti sani.
  3. Uno studio psicologico tedesco con circa 1000 partecipanti ha trovato "gravi conseguenze psicosociali" dovute all'introduzione di maschere facciali obbligatorie in Germania.
  4. L' istituto ambientale di Amburgo ha avvertito dell'inalazione di composti di cloro nelle maschere di poliestere e dei problemi legati allo smaltimento delle maschere.
  5. Il sistema europeo di allarme rapido RAPEX ha già richiamato 70 modelli di maschere perché non soddisfacevano gli standard di qualità dell'UE e potrebbero portare a "gravi rischi".
  6. In Germania, due bambini di 13 anni sono morti improvvisamente mentre indossavano una maschera per un periodo di tempo prolungato; le autopsie non potevano escludere un'intossicazione da CO2 o un arresto cardiaco improvviso.
  7. In Cina, diversi bambini che dovevano indossare una maschera durante le lezioni di sport sono svenuti e sono morti ; le autopsie hanno riscontrato un arresto cardiaco improvviso come probabile causa di morte.
  8. Negli Stati Uniti, un automobilista che indossava una maschera N95 (FFP2) è svenuto e si è schiantato contro un palo.

Conclusione

Le maschere facciali in tessuto nella popolazione generale potrebbero essere efficaci, almeno in alcune circostanze, ma attualmente ci sono poche o nessuna prova a sostegno di questa affermazione. Se il virus SARS-2 viene effettivamente trasmesso tramite aerosol interni, è improbabile che le maschere di stoffa siano protettive. Le autorità sanitarie non dovrebbero quindi presumere o suggerire che le maschere facciali in tessuto ridurranno il tasso o il rischio di infezione.

Fonte

https://swprs.org/face-masks-evidence/


IN EVIDENZA

Image 02 Agosto 2020
L'epopea di Dan Burisch

UFOLOGIA

Canadian ufo1 actual

Il Caso Guardian

PALEOASTRONAUTICA

Great Sphinx Of Giza1

Gli egittologi la Sfinge e il cover-up

MISTERI

 
 

Video del giorno