20 Settembre, 2020
 
 
 

banner sito

32573206 8679307 image a 20 1598810042469

Fino al 90% delle persone a cui è stato diagnosticato il coronavirus avrebbe carica virale bassa per infettare qualcun altro

Secondo gli esperti i test sono troppo sensibili

 

 

  • Secondo un nuovo rapporto, fino al 90% delle persone sottoposte a test per COVID-19 in Massachusetts, New York e Nevada a luglio portava a malapena tracce del virus.
  • Gli esperti dicono che potrebbe essere perché i test di oggi sono "troppo sensibili" 
  • Negli Stati Uniti il ​​test PCR è il test diagnostico più utilizzato per COVID-19 
  • I test PCR analizzano la materia genetica del virus in cicli e i test odierni richiedono in genere 37 o 40 cicli
  • Gli esperti dicono che questo è troppo alto perché ritiene un paziente positivo anche se ha piccole tracce del virus che sono vecchie e non più contagiose
  • Suggeriscono di ridurre il numero di cicli, il che si concentrerebbe sulle persone con una carica virale più elevata e che sono più contagiose 
  • Oggi ci sono 5,9 milioni di casi di COVID-19 negli Stati Uniti e ci sono stati più di 182.000 decessi

Fino al 90 percento delle persone sottoposte a test per COVID-19 in Massachusetts, New York e Nevada a luglio non aveva quasi nessuna traccia del virus e potrebbe essere perché i test di oggi sono "troppo sensibili", dicono gli esperti. 

Gli esperti sanitari affermano che i test PCR - il test diagnostico più utilizzato per COVID-19 negli Stati Uniti - sono troppo sensibili e devono essere adattati per escludere persone che hanno quantità insignificanti di virus nei loro sistemi perché probabilmente non sono contagiose. 

Oggi il test PCR, che fornisce una risposta sì o no se un paziente è infetto, non dice quanta parte del virus un paziente ha nel proprio corpo.

I test PCR analizzano la materia genetica del virus in cicli e i test odierni richiedono in genere 37 o 40 cicli, ma gli esperti dicono che questo è troppo alto perché rileva quantità molto piccole del virus che non rappresentano un rischio.

Secondo il New York Times, i medici dicono che meno soglie di ciclo, ovvero il numero di cicli necessari per rilevare il virus, si concentrano su quelli con maggiori quantità di virus che rappresentano dei rischi . 

Oggi ci sono 5,9 milioni di casi di COVID-19 negli Stati Uniti e ci sono oltre 182.000 morti.  

Giovedì gli Stati Uniti hanno registrato 45.604 nuovi casi di coronavirus. Se i tassi di contagiosità in Massachusetts e New York dovessero applicarsi a livello nazionale, ciò significherebbe che solo circa 4.500 di quelle persone potrebbero effettivamente aver bisogno di isolarsi e partecipare alla ricerca dei contatti. 

A partire da domenica, gli Stati Uniti avevano un tasso di positività giornaliero dell'8,62%, secondo Johns Hopkins. L'Organizzazione mondiale della sanità ha affermato che i paesi che hanno condotto test approfonditi per COVID-19 dovrebbero rimanere al 5% o meno per almeno 14 giorni prima della riapertura. 

I ricercatori affermano che la soluzione è l'uso ancora più diffuso di test rapidi con una soglia regolata per concentrarsi sulle persone più contagiose con COVID-19.

Questo suggerimento è contrario alle linee guida sui test recentemente aggiornate della Task Force per il Coronavirus della Casa Bianca.

Lunedì scorso il CDC ha cambiato le sue linee guida, che ora dicono che se sei stato esposto ma non hai sintomi, "non hai necessariamente bisogno di un test a meno che tu non sia un individuo vulnerabile" o un medico lo consiglia.

In precedenza, l'agenzia aveva raccomandato di sottoporsi al test dopo uno stretto contatto con qualcuno che era stato confermato infetto da COVID-19.  

'La decisione di non testare persone asintomatiche è solo molto arretrata. In effetti, dovremmo intensificare i test su tutte le persone diverse, ma dobbiamo farlo attraverso meccanismi completamente diversi ", ha detto al Times il dottor Michael Mina, un epidemiologo presso la Harvard TH Chan School of Public Health. 

'Abbiamo utilizzato un tipo di dati per tutto, e questo è solo più o meno - tutto qui. Lo stiamo usando per la diagnostica clinica, per la salute pubblica, per il processo decisionale politico ", ha detto Mina. 

"Penso che sia davvero irresponsabile rinunciare al riconoscimento che si tratta di una questione quantitativa", ha aggiunto Mina.

Giovedì l'amministrazione Trump ha annunciato che avrebbe acquistato 150 milioni di test rapidi, ma Mina afferma che il processo di test deve essere cambiato. 

Una soluzione ai test odierni potrebbe essere quella di regolare la soglia del ciclo utilizzata ora per decidere se un paziente è infetto a un numero inferiore.

La maggior parte dei test imposta il limite a 40 o 37, il che significa che sei positivo per COVID-19 se il test richiede fino a 40 o 37 cicli per rilevarlo. 

La soglia del test è così alta che rileva le persone con il virus vivo e quelle con pochi frammenti genetici che sono residui dell'infezione e non rappresentano più un rischio, dice Mina. È come trovare un capello in una stanza dopo che una persona l'ha lasciato.

Gli esperti dicono che un limite ragionevole per il virus sarebbe di 30 o 35 cicli, secondo Juliet Morrison, virologa dell'Università della California, Riverside.

Mina ha detto che avrebbe fissato il limite a 30.

Il laboratorio statale di New York Wadsworth ha analizzato i valori delle soglie dei cicli nei test PCR COVID-19 già elaborati e ha scoperto a luglio che 794 test positivi erano basati su una soglia di 40 cicli. 

Con un limite di 35, circa la metà di questi test non sarebbe più considerata positiva. Circa il 70% non sarebbe più giudicato positivo se i cicli fossero limitati a 30.

In Massachusetts, dall'85 al 90% delle persone che sono risultate positive a luglio con una soglia del ciclo di 40 sarebbero state considerate negative se la soglia fosse stata di 30 cicli, ha detto Mina. 

"Direi che nessuna di queste persone dovrebbe essere rintracciata, nemmeno una", ha detto.

La Food and Drug Administration ha affermato che non specifica gli intervalli di soglia del ciclo utilizzati per determinare chi è positivo e che "i produttori commerciali ei laboratori ne impostano uno proprio".

Il Centers for Disease Control and Prevention ha affermato che sta esaminando l'uso di misure di soglia del ciclo per la "decisione politica".

Il CDC ha affermato che i suoi stessi calcoli suggeriscono che è estremamente difficile rilevare un virus vivo in un campione al di sopra di una soglia di 33 cicli.  

"È solo un po 'strabiliante per me che le persone non registrino i valori CT di tutti questi test - che stanno solo restituendo un positivo o un negativo", ha detto Angela Rasmussen, virologa della Columbia University di New York.

"Sarebbero informazioni utili per sapere se qualcuno è positivo, se ha una carica virale elevata o una carica virale bassa", ha aggiunto. 

La FDA ha osservato che le persone possono avere una bassa carica virale quando sono state infettate di recente e un test con minore sensibilità non avrebbe rilevato queste infezioni.

Mina dice che quelle persone possono essere testate di nuovo se è così.

Le persone infettate da COVID-19 sono più contagiose un giorno o due prima che i sintomi compaiano circa cinque giorni dopo.

Gli esperti di virologia affermano che ora sono necessari test rapidi, economici e abbastanza abbondanti da testare frequentemente tutti coloro che ne hanno bisogno, anche se ciò significa che i test sono meno sensibili.

«Potrebbe non catturare fino all'ultimo le persone che trasmettono, ma sicuramente catturerà le persone più trasmissibili, compresi i superdiffusori. Questo da solo porterebbe le epidemie praticamente a zero ", ha detto Mina. 

Fonte

https://www.dailymail.co.uk/news/article-8679307/Experts-say-USs-coronavirus-positivity-rate-high-tests-sensitive.html


IN EVIDENZA

Image 02 Agosto 2020
L'epopea di Dan Burisch

UFOLOGIA

Canadian ufo1 actual

Il Caso Guardian

PALEOASTRONAUTICA

Great Sphinx Of Giza1

Gli egittologi la Sfinge e il cover-up

Video del giorno