nazicovid

1984 sbarca a Melbourne: stato di polizia con la scusa del Covid

L'Australia decide di ispirarsi al regime nostrano di Giuseppe Conte per compiacere la cricca di Bill Gates e Xi Jinping

 

Melbourne, quella gloriosa città nello stato di Victoria in Australia, mi ha concesso alcuni dei migliori giorni di viaggio della mia vita durante due viaggi separati ciascuno della durata di un'intera settimana.

Persone felici, civilizzate e altamente istruite vivono qui tra architettura moderna, ponti stimolanti e bellezze naturali, un luogo in cui anche la polizia è gentile e quando chiedi loro indicazioni rispondono con un sorriso e quando dici grazie , dicono "Nessun problema".

Adesso ci sono grandi preoccupazioni a Melbourne.

Il Premier ha imposto uno stato di polizia feroce senza precedenti nella storia di questo Paese. Si chiama Dan Andrews (un nome dolce che maschera il tiranno che è diventato), e twitta immagini di strade vuote per vantarsi di ciò che ha ottenuto nel nome della soppressione di un virus.

Mi viene in mente la frase di Tacito sull'impero romano: "Dove fanno un deserto, lo chiamano pace".

L'Australia è l'unico paese al mondo che ha una legge che le persone non possono essere cattive l'una con l'altra. Ora ospita uno dei governi più cattivi del mondo.

La catastrofe è iniziata con un blocco primaverile prima che ci fossero casi di C-19 e molti meno morti. L'etica in Australia era quella dell'estrema esclusione e soppressione del virus, non così grave come la Nuova Zelanda ma piuttosto grave. Il resto del mondo può contrarre questa malattia, ma l'Australia userebbe il suo isolamento geografico e l'intelligenza politica per bandire il virus. Il virus sarà in soggezione e saprà starne lontano per sempre.

Non è una buona teoria perché non è così che funzionano i virus.

Tuttavia, all'inizio sembrava funzionare. Questo perché il virus doveva ancora arrivare.

Quando il virus è arrivato, è stata rivelata la futilità della strategia di soppressione.

Melbourne aveva istituito hotel di quarantena per le persone che arrivavano dall'estero o che tornavano dalle crociere. Trascorrevano 14 giorni in isolamento per purgarsi da possibili infezioni. Allora tutto sarebbe andato bene. Si è verificato un problema: il virus Wiley è scappato .

Di conseguenza, l'orgoglio di una nazione per aver soppresso il virus si è trasformato in panico e blocco totale. I confini interni sono sigillati. E Melbourne è diventata un inferno vivente, non a causa del virus (che è ancora lieve) ma a causa dello scatenarsi di uno stato di polizia infernale.

Un amico ha riassunto la situazione per me:

  • La polizia ora può entrare nella casa di chiunque senza un mandato.
  • Coprifuoco alle 20:00.
  • $ 1.652 multa se fuori senza " un motivo valido " - un importo che viene raccolto di giorno in giorno
  • Non posso visitare famiglia o amici.
  • Multa di $ 200 per nessuna maschera (maschere obbligatorie in ogni momento).
  • Può esercitarsi solo una volta al giorno, per un massimo di 1 ora.
  • Solo una persona per nucleo familiare, al giorno può lasciare la casa (anche per la spesa).
  • Non puoi andare a più di 3 miglia da casa tua.
  • I matrimoni sono illegali.
  • Nessun raduno di qualsiasi dimensione.
  • L'esercito è nelle strade multando / arrestando persone.
  • "Dal 21 marzo, un totale di 193.740 controlli a campione sono stati condotti dalla polizia in tutto il Victoria".
  • Le proteste / attivismo sono illegali; persone sono già state arrestate per riunioni pacifiche.
  • I media sono ESTREMAMENTE di parte, definiscono i manifestanti "pazzi della cospirazione di destra" e non consentono di discutere se questi blocchi siano giusti o meno.
  • Diverse migliaia di persone sono state poste agli arresti domiciliari e impossibilitate ad andarsene per QUALUNQUE motivo, con razioni di cibo consegnate dall'esercito, portando a livelli spaventosi di traumi personali.
  • L'Australia non rilascerà quante multe ha inflitto, ma un notiziario della ABC dice che finora sono oltre 5,2 milioni di dollari.
  • Le strade di Melbourne sono vuote, anche in una città di oltre 5 milioni di persone. Le persone sono odiose l'una con l'altra, tutti cannibalizzano i loro vicini (chiamando la polizia per denunciare ogni piccola infrazione alle regole e si rivoltano l'un l'altro come un inferno socialista).
  • Cartelloni pubblicitari fuori per strada che dicono in lettere maiuscole: “ COSA STAI FACENDO? RIMANI A CASA ". Si sentono estremamente oppressivi, come se fossimo stati sgridati da un governo molto oppressivo.
  • Il premier vittoriano Daniel Andrews mostra completo e totale disprezzo per noi, incolpandoci costantemente. Ha incolpato i bambini (sì, davvero) per non averlo preso abbastanza sul serio. Ogni volta che ha la possibilità, ci dice che è colpa NOSTRA se il virus si sta diffondendo (anche se è quello che fanno i virus: si diffondono).
  • Non è solo il premier vittoriano: il primo ministro australiano Scott Morrison è altrettanto terribile. Ha incoraggiato tutto questo ed è stato responsabile del primo blocco.
  • Linguaggio distopico del 1984: cartelloni pubblicitari ovunque che dicono " Restare separati ci tiene uniti ". Sono impazziti?
  • Probabilmente ce n'è di più, ma a questo punto onestamente ho perso il conto di tutta la follia che è accaduta.
  • Tutto perché 147 persone sono morte nello stato del Victoria (la popolazione totale è di 6.359 milioni), quasi tutti i decessi sono oltre 70 con comorbidità, come ovunque nel mondo.

Questa è l'ideologia del blocco al lavoro. È una tirannia senza limiti, a scapito di ogni dignità, decenza e diritti umani. I politici creano un deserto e lo chiamano salute. Eppure, nel frattempo, in Australia da marzo, ci sono stati sei volte più morti per suicidio che per Covid-19.

Come ovunque sul pianeta, Melbourne dovrà raggiungere l'immunità di gregge da C-19 ad un certo punto. Coloro che lo negano stanno rischiando non solo la libertà e la salute, ma la stessa civiltà.

Forse gli altri stati australiani osserveranno la distruzione nel Victoria e impareranno a prendere un'altra strada quando il virus arriverà per la prima volta nel loro territorio, come sicuramente accadrà. I blocchi non sono scienza; sono brutalità.

Oggi piango per la grande città di Melbourne. Possa esserci giustizia. E possa essere concesso alla sua futura leadership politica un minimo di decenza e saggezza.

 

Fonte

https://www.aier.org/article/madness-in-melbourne/amp/